Progetto Almax

15112015

2013 Aprile - Band - MISSIVA

Ciao Missiva, vi ringraziamo per la vostra partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Percorso Artistico? Suoniamo insieme da 15 anni e Niente Addosso è il nostro secondo disco ufficiale dopo Sospeso del 2008. Abbiamo alle spalle una serie numerosissima di concerti in giro per l’Italia… abbiamo aperto i live di Malfunk, 99Posse, Ray Wilson, Teatro degli Orrori, Modena City Ramblers, Sick Tamburo, Rezophonic… insomma cerchiamo di non stare mai fermi! Influenze musicali? Sicuramente abbiamo le nostre radici musicali nel grunge degli anni 90, ma abbiamo provato a trovare una strada più nostra mischiando il tutto strizzando l’occhio all’elettronica e soprattutto tenendo presenti quelle che sono le sonorità più recenti. Come nascono le vostre sonorità? Cerchiamo di mettere il nostro modo di suonare a disposizione del brano che di volta in volta stiamo arrangiando…affinchè funzioni e arrivi meglio a chi ascolta. E' più importante un buon cd o tanta esibizione live? Sicuramente stiamo imparando che il live è fondamentale… curiamo molto questo aspetto e i successi in diversi contest ci stanno dando ragione… il contributo di Amerigo Verardi poi (produttore di questo ultimo lavoro, NIENTE ADDOSSO) è stato fondamentale per riuscire a riprodurre sul disco l’energia de nostro impatto live. Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? Più che l’aspetto estetico noi stiamo attenti ad avere un certa coerenza con quello che diciamo, essere credibili per noi è fondamentale. Chi si occupa della vostra sponsorizzazione? In questo momento abbiamo un contratto con la Lunatik, un ottimo ufficio stampa. È chiaro che considerata la situazione di una band come la nostra, il contributo di ciascuno di noi 5 è fondamentale! Che opinione a riguardo del panorama artistico musicale in Italia? Abbiamo conosciuto tante band eccezionali in giro per lo stivale e quindi crediamo che ci sia davvero tanta gente con idee geniali, quello che ci piace meno, invece è che troppo spesso i magazine e i cosiddetti “esperti del settore” privilegino gli spazi sia stampa che live a band che pur di apparire “alternative” propongono musica che ci dice poco e che di dà ancora meno… Come mai viene dato così poco spazio agli esordienti? In un Paese come il nostro, in cui la cultura in generale ha un ruolo così marginale e poco significativo, non ci meraviglia che le nuove proposte, soprattutto se di qualità, fatichino a farsi apprezzare… troppo spesso la gente va ancora ad ascoltare i live per  “moda” e quindi spende qualche euro solo se la band è stata già in TV o cose del genere. Diciamo che però questa situazione non ci scoraggia… Ci piace fare quello che facciamo e dirlo nel modo che abbiamo scelto. Abbiamo tante soddisfazioni a livello umano portando in giro il nostro live, riusciamo a stringere legami veri e solidi con gente che ci ascolta per la prima volta!!! Mai fatto provini in qualche Talent show? Perchè? No… semplicemente perché non ci interessa quel tipo di percorso, né di modo di vivere la musica. Rapporto con i fan? Come abbiamo detto prima, abbiamo conosciuto tanti amici lungo il nostro percorso che condividono il nostro modo di vedere la vita e la musica. Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? Suonare in una band come la nostra in Italia oggi non è facile e di solito comporta tanti sacrifici che spesso non vengono ripagati, soprattutto se parliamo in termini economici… ehhehe… Abbiamo imparato però a scoprire i tantissimi lati positivi e le tante conquiste che possiamo vivere grazie al nostro lavoro e dopo anni di Missiva, siamo certi di poter dire che avremmo rifatto tutto come lo abbiamo fatto! Credete nella discografia Italiana? Crediamo molto nell’autopromozione… la discografia intesa come lo era fino a soli 10 anni fa è morta e chi ancora finge di non capirlo non può lamentarsi del fatto che non riesce ad emergere…da un certo punto di vista questo può essere un vantaggio per band che ormai possono direttamente farsi ascoltare e conoscere per esempio attraverso il web. Sogni nel cassetto? Fare un disco con Amerigo Verardi ha rappresentato già la realizzazione di un sogno che avevamo, anche perché abbiamo conosciuto e stretto nella “famiglia Missiva” un persona davvero eccezionale oltre che un musicista pazzesco. Diciamo che nel prossimo futuro ci piacerebbe riuscire ad entrare in un circuito live che possa essere più adeguato al nostro concerto, che vi possiamo assicurare è da spettinare i capelli!!! Progetti futuri ed aspettative? Siamo presissimi dalla promozione di NIENTE ADDOSSO, stiamo appena usciti con il nostro singolo IGN(I)ORANTE con un video realizzato con un gruppo di ragazze della nostra città (BRINDISI) che ci piace tanto e ci sta dando tante soddisfazioni… per questa estate poi, date uno sguardo in giro, probabilmente saremo live nella vostra città!!! Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Alessia Marani – Almax

LINK

 SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento