Progetto Almax

15112015

2013 Giugno - Band - MAMMA CANNIBALE

Ciao Mamma Cannibale , vi ringraziamo per la vostra partecipazione su Almax  Magazine di cui siamo onorati. Gli ottimi arrangiamenti e le sonorità eccellenti sono il punto focale dei Mamma Cannibale, che nesso hanno con l’ Antahkarana, simbolo di meditazione che vi rappresenta? I simboli sono importanti, hanno come scopo quello di fare da intermediari tra le nostre parti più intime e sconosciute del nostro inconscio e la realtà “ esterna” che ci circonda. Quando abbiamo cercato un “simbolo” che potesse rappresentarci la nostra scelta è ricaduta su questo antichissimo simbolo Tibetano, in esso sono rappresentate oltre che la meditazione (che già in sè è importante) la forza, l’energia, la positività e la pace, tutti elementi che in qualche modo vorremmo  esprimere con la nostra musica, per cui la scelta non è stata difficile. Quali sono le vostre influenze musicali? Le nostre influenze musicali sono molteplici, e lo testimonia la nostra musica, che cambia atmosfera ed espressione un brano dopo l’altro. Possiamo trovare affinità con la psichedelica dei Velvet Underground, l’epica  di gruppi come i Joy Division, ma anche il funky acido e cosmopolita dei Pop Group e la sperimentazione  alla James Chance e The Contortions, gli echi dei Television di Tom Verlain, New Wave e Punk, atmosfere alla Tim Burton,  insomma si potrebbe continuare per un bel po’ senza esaurire completamente tutte le nostre reminiscenze. Come nascono le vostre sonorità? E' più importante un buon cd o tanta esibizione live? Le nostre sonorità non nascono da nessuna parte! Sono già dentro di noi e dentro di te! Mi spiego meglio. Siamo convinti che in musica nulla si inventi, e che tutto è già esistente. I musicisti sono dei Medium nel senso letterale del termine che significa “strumento”. Lo scopo di uno strumento è quello di rendere evidente ciò che già esiste e che non si rivela fino al momento stesso in cui qualcuno non lo manifesti. Per fare un esempio - noi abbiamo un numero limitato di lettere che combinate in un certo modo costruiscono parole , che diventano frasi, concetti più o meno complessi  che danno origine ad una infinità di altre espressioni, così è la musica, con la combinazione di poche note possiamo dare origine ad una complessità infinita di combinazioni che in qualche modo visto che ne prevede la possibilità, di conseguenza è già stata scritta. Noi dobbiamo rendere evidente ciò che già esiste e che  non è stato ancora espresso ma è già presente.Per rispondere alla seconda parte della tua domanda, possiamo dire che un buon CD è la testimonianza dell’anima di un gruppo, ma è dal vivo che si trasmette tutto il suo cuore e la sua energia. Il vostro impatto scenico è davvero particolare, come mai la scelta di indossare la stessa “divisa” e la predilizione per il colore arancio? La scelta di indossare delle tute color arancio, si ricollega un po’ al simbolo dell’Antahkarana, in quanto l’arancio è il colore della spiritualità e della positività che spinge all’ottimismo. In secondo luogo il fatto di indossare tutti lo stesso capo è un voler rimarcare lo spirito di appartenenza “siamo un gruppo” seppure ognuno con le sue peculiarità. Chi si occupa della vostra sponsorizzazione? Nessuno si occupa della nostra sponsorizzazione. Che opinione avete riguardo il panorama artistico musicale in Italia? Come mai viene dato così poco spazio alla musica alternativa? L’Italia è un paese dove esistono persone e risorse straordinarie ed è vergognoso che i potenti di questo paese, siano stati in grado di distruggere sia le risorse che le persone che lo compongono. Il “senso artistico” di questo paese è quello che ne viene fuori nel modo peggiore in tutti i sensi. L’ambiente musicale è quello che è stato maggiormente mortificato e degradato, al punto di chiedersi chissà per quale magia si fa che in questo paese ancora si suoni o si canti. Ma sapremo riprenderci da tutto questo e la straordinaria vitalità musicale di questo paese tornerà ad essere forte e determinante come quella di un tempo. Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? Credete nella Discografia Italiana ? Viene dato poco spazio alla musica alternativa in Italia, per il semplice fatto che questo tipo di musica è la più “sincera” oltre che qualitativamente la migliore, ed in genere alla maggior parte delle persone non piace che gli si dica la “verità” ma preferisce essere rassicurata da motivetti anestetizzanti e da testi banali che non mortifichino la loro ignoranza o li costringa a “pensare” e ragionare con la propria testa. E’ una questione di ordine pubblico! Impegni futuri e progetti? Stiamo ultimando il nostro disco, che si prevede debba uscire in autunno. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di:Danilo Vignola]  

 

LINK

 

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento