Progetto Almax

15112015

2013 Settembre - Band - RED GONE

Ciao  Red Gone, (risponde Kristian Ruggeri cantante dei Red Gone) vi ringraziamo per la vostra partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Percorso artistico? Ti parlerò del percorso artistico dei Red Gone come gruppo, perché singolarmente abbiamo un percorso lungo e servirebbe un'intervista solo per quello. I Red Gone nascono nell'autunno del 2010, ci conoscevamo già al di fuori del gruppo da qualche anno e sapevamo della nostra passione per la musica, senza aver mai suonato insieme. Un giorno poi abbiamo deciso di fare una prova io (Kristian), Bocca (batteria) e Skeggia (la morosa di Bocca, alla chitarra); prova nella quale suonavo anche il basso, ci siamo sfogati un po' e alla fine mi hanno lasciato una registrazione di un pezzo dicendomi "prova a metterci una linea vocale a sto pezzo". Quel pezzo era "that's all" ed è piaciuto talmente tanto che ci ha fatto venire voglia di mettere su un gruppo, secondo noi avrebbe funzionato. Ed eccoci qua, adesso esce il nostro secondo demo (il primo era inascoltabile). Nonostante le grosse difficoltà, date dal fatto che io (Kristian) abito a Napoli (mia moglie è di la) e per un periodo anche Bocca studiava a Milano fino a febbraio di quest'anno. Non abbiamo mai mollato, anche perché abbiamo continuato a buttare fuori canzoni che a noi piacciono molto. Influenze musicali? Le mie personali influenze partono dal punk dei Sex Pistols e arrivano fino ai Queens of the Stone Age, tutto quello che c'è in mezzo mi ha influenzato; tipo Nirvana, Alice in Chains, Soundgarden, Pearl Jam, Stone Temple Pilots, Korn, Deftones, Coal Chamber, System of a Down, Faith No More; e sicuramente me ne dimentico un sacco, ma questi fondamentalmente sono quelli che hanno creato qualcosa che mi ha colpito ed influenzato. Per il resto della band, Bocca, il batterista, ha più o meno le mie stesse influenze e Skeggia anche, lei in più ha una vera passione per i Queen e nella fattispecie per Bryan May. Adesso si è aggiunto anche un bassista da poco tempo, Garu, ancora devo capire le sue influenze, ma da quanto ho capito anche lui è influenzato dalle stesse cose, anche se ha sempre suonato del Punk Rock. Come nascono le vostre sonorità? Personalmente, le mie sonorità, nascono dagli stati d'animo, non mi sono mai messo li dicendo "adesso faccio un pezzo", il pezzo nasce da solo, è uno stato d'animo che si trasforma da solo in musica, è difficile da spiegare in realtà, ma è così e le parole vengono dopo. Infatti i nostri pezzi non sono tecnici per niente, però molto, diciamo, emotivi e per suonarli bene devono essere interpretati. E' più importante un buon cd o tanta esibizione live? Sembrerò diplomatico ma sia il live che il cd sono importanti, il primo per chi ti viene a vedere e il secondo è importante per chi non riesce a vederti live, anche perché mettere tutta quella emotività in cd non è sempre facile. Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? L'aspetto estetico ha molta importanza, nei live, le persone vogliono, dai gruppi in generale, uno spettacolo che comprenda anche la parte visiva, cioè come ti vesti e ti presenti, è molto importante anche come ti muovi sul palco, le due cose vanno insieme, quest'ultima cosa ha una valenza che in percentuale io penso che occupi l'80% della riuscita di uno show, se suoni dei pezzi fighi da fermo, sembrano molto ma molto meno fighi, specialmente per chi non conosce i pezzi. Chi si occupa della vostra sponsorizzazione? Della nostra sponsorizzazione ce ne occupiamo noi, infatti anche il demo ci ha messo un po' ad uscire anche per questo motivo.  Non abbiamo nessuno sponsor e fino adesso non ci siamo ancora messi nelle mani di nessuna etichetta, i tempi non erano ancora maturi, ma stanno maturando. Che opinione a riguardo del panorama artistico musicale in Italia? Il panorama artistico italiano è affidato al Rap ed ai Talent Show,con artisti che escono, fanno il botto e spariscono in meno di un anno. Che dire, gusti musicali diversi a parte, il panorama musicale in Italia, messo così, fa un po' schifo! Per un certo senso è anche buono così, perché se ad un certo punto esce uno che fa della bella roba, in mezzo a sto p(i)attume, sicuramente spiccherà (RED GONE). Come mai viene dato così poco spazio agli esordienti? In realtà io non so se viene dato poco spazio agli esordienti, se intendi in televisione, forse è anche un bene, perché è diventato un mezzo-tritacarne allucinante, un momento sei Dio e due secondi dopo fai cagare. Mai fatto provini in qualche Talent show? Perchè? Preferisco andare a propormi io a qualche etichetta e sbattermi nei live che provarci con i talent, sempre per il motivo che ti ho detto prima, i talent, come il mezzo di cui usufruiscono (la tele), sono dei tritacarne che servono solo a mettere in evidenza i giudici più che gli artisti, una cagata pazzesca e gli artisti durano veramente poco... e io voglio lasciare il segno! Rapporto con i fan? Mah, mia mamma sta bene grazie! A parte gli scherzi (neanche tanto perché mia mamma è una nostra fan), ancora non abbiamo migliaia di fan, però quei pochi che abbiamo ci danno delle belle soddisfazioni, in effetti riesci ad avere un feed back con ognuno di loro, tipo dopo i concerti e fin'ora sono stati molto contenti e anche questo ci spinge a non mollare nonostante le difficoltà oggettive. Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? Quando si parla di musica ad un musicista è un po' come parlargli della sua donna, direi che le cose si eguagliano, anche se devo dire che non si può parlare di vere e proprie delusioni, magari si può parlare di errori personali dai quali imparare. In effetti non ho mai avuto delle delusioni ma solo lezioni, le quali portano sempre verso delle soddisfazioni. Credete nella Discografia Italiana? Credo che se non si parla di Major grosse, ci sia un impegno a provarci in alcuni casi, basta cercarli e trovarli, non è tutto da buttare. Certo oggi come oggi, la Discografia si è accorta di quest'ondata di Rap e punta tutto li, fa un "All In" sul Rap. Beh io penso che non provare qualcosa di diverso e andare sul sicuro per forza sia da codardi e che penalizzi una scena più varia. Sogni nel cassetto? Di solito non vado molto avanti con i sogni, diciamo che per adesso sogniamo di fare più live possibili, poi quello che verrà dipenderà da quanto ci metteremo personalmente. Progetti Futuri ed aspettative? Mah, intanto abbiamo (come ho detto prima) cambiato da poco il bassista, quindi ci stiamo preparando per dei live. E’ uscito il nostro secondo demo con due pezzi inediti, poi più avanti si potrà pensare all'uscita di un ipotetico CD. Intanto suonare, suonare, suonare!!! Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Alessia Marani - Almax

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento