Progetto Almax

15112015

2013 Ottobre - Cantautore - IMMANUEL CASTO

Ciao Immanuel, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Percorso artistico? Immanuel nasce per scherzo, per divertimento, per passione. E questo rimane alla base di quello che faccio. Dentro però c'è anche la voglia di raccontare la società e soprattutto le sue ipocrisie. Penso che il mio pubblico trovi liberatorio cantare le mie canzoni. Sono sempre stato attratto dal mondo dello spettacolo, sin da bambino. Ho cominciato a fare teatro quando ero un adolescente ed ho proseguito sino i 24 anni circa. La musica era per me un gioco, sino a quando ho proposto i miei primi pezzi sul web. Da qual momento il progetto è diventato gradualmente più organico e complesso. É arrivato il manager, i primi tour nazionali, un disco distribuito da Universal, le apparizioni televisive e persino un gioco creato da me. Influenze musicali? Sono molte le influenze alla base delle mie creazioni. Dal punto di vista musicale citerei senza dubbio i Depeche Mode e i Daft Punk. Per quanto riguarda l'aspetto iconico del personaggio divi come Madonna o David Bowie. Volendo restare in Italia, invece, posso dire di essere stato ispirato da artisti degli anni '80 che hanno fatto dell'ironia il loro punto di forza, come Donatella Rettore o Ivan Cattaneo. Come nascono tue sonorità? E' più importante un buon cd o tanta esibizione live? Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? E' più importante un buon cd o tanta esibizione live? Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? Nel fulcro creativo del progetto ci siamo io ed il mio socio Keen. É lui ha studiare le sonorità, avvalendosi talvolta di producer esterni per arricchire gli arrangiamenti. Studio e Live sono due momenti complementari ed essenziali. Creare e promuovere le mie creazioni è fondamentale per dare sempre nuova linfa al progetto e vogliamo che la qualità tecnica del lavoro sia in continua crescita. Tutto questo si concretizza negli show, che sono delle vere e proprie messe pop. Chi si occupa della tua sponsorizzazione? Il progetto è indipendente. Non abbiamo mai avuto una sponsorizzazione. I milioni di visite collezionati sono frutto solo del passaparola. Che opinione a riguardo del panorama artistico musicale in Italia? Purtroppo stiamo vivendo un momento molto difficile. Io invito sempre a guardare la top 20 dei dischi più venduti, esposti negli autogrill. Si trovano solo artisti in cirolazione da almeno 15 anni o gente uscita da reality.Credo sia un circolo vizioso. In un contesto di crisi le case discografiche vogliano investire solo su progetti sicuri e anziché proporre qualcosa di nuovo, ma questo concorre ad appiattire lo scenario e forse la sua crisi. Come mai viene dato così poco spazio agli esordienti? Credo per paura. Come ho già detto, penso che le case discografiche vogliono investire solo su artisti che abbiamo già una grossa fanbase. Creare e promuovere da zero un progetto è estremamente costoso, senza garanzia che poi il progetto funzioni. Mai fatto provini in qualche Talent show? Perchè? Mai fatto provini per Talent Show. Venni anche invitato a partecipare alle selezioni per il primo X-Factor, ma rifiutai. Questo perché sarebbe in antitesi con il mio percorso basato sull'originalità. I Talent possono essere una bella vetrina per i perfomer, mentre io sono prima di tutto un creativo. Rapporto con i fan? Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? Ho un ottimo rapporto con i fan. Mi dimostrano un entusiasmo ed una fedeltà commoventi. E questa è una delle più grandi soddisfazioni. Essendo partito dal nulla e con in mano solo le mie idee posso dire di essere soddisfatto di quello che ho realizzato, ma sono anche concentrato sugli obbiettivi che devo ancora raggiungere. É un lavoro molto molto duro e credo sia umano vacillare.  Sogni nel cassetto? Mi piacerebbe molto realizzare un lungometraggio come regista. Progetti Futuri ed aspettative? Attualmente sono molto concentrato sui progetti presenti. É appena uscito il nuovo album 'Freak & Chic', sto lavorando al tour che debutta tra poche settimane e al Lucca Comics presenteremo il nuovo capitolo di 'Squillo', il gioco di carte creato da me. Ciò che vorrei è continuare a fare quello che faccio, ma a livelli sempre più alti, con la speranza di acquisire nuovi mezzi da mettere a servizio dei miei progetti. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Alessia Marani - Almax]

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento