Progetto Almax

15112015

2013 Novembre - Musicista - “GIO BLACK” GIOVANNI FRANCHI

"Chitarrista di The Condome Blue, e svariati progetti acustici"

Ciao Gio, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati.  Benvenuto su Almax Magazine: tu sei un bravissimo chitarrista, molto apprezzato e versatile. Quali sono stati i tuoi esordi? A che età hai iniziato e quali sono stati i tuoi primi passi? Ho iniziato da bambino all'età di 8 anni, ho frequentato per 2 mesi un corso di chitarra presso l'oratorio salesiano di Firenze, l'insegnante era un salesiano al quale sono tuttora molto affezionato e legato si chiama Don Bruno Guiotto al quale devo la mia passione per la chitarra, in seguito ho continuato come auotodidatta cercando di carpire e rubare da altri i piccoli ma grandi segreti della chitarra. La mia prima vera apparizione sul palco l'ho avuta all'età di 10 anni partecipando come mascotte di un gruppo dal nome I VECCHI AMICI che partecipava ad un contest, ora si chiamerebbe così, ma all'epoca era chiamato trofeo Ceccherini al quale partecipavano quasi tutti i gruppo dell'area fiorentina. Quali sono stati i tuoi “idoli” musicali. A chi ti sei ispirato? Il mio idolo ed il mio riferimento è sempre stato e sempre sarà The man in black, Ritchie Blackmore, sono cresciuto con la musica dei Deep Purple anche se ascoltavo tutto il genere Hard rock degl'anni 70, ma inevitabilmente sul piatto del mio stereo girava quasi sempre un disco dei Deep Purple.  Come vedi cambiato il mondo della musica, dai tuoi esordi fino ad ora?  Ci sarebbe da parlarne per ore, ma voglio sintetizzare dicendo che adesso tutto è rivolto al commerciale, l'avvento delle nuove tecnologie ha reso freddo ed impalpabile il prodotto finale che mira soltanto a fare cassetta, in passato c'erano molta più anima e cuore, quando ascoltavi un disco sentivi pulsare l' anima dell'artista eri al centro di quella musica. Non voglio fare il sentimentalista retrò, ci sono grandi artisti anche adesso che purtroppo dedicano le loro performance in base alla grande tecnica che possiedono, manca la nota che esce dall'anima. Sappiamo che hai all’attivo molti progetti: vuoi parlarcene? Faccio parte del gruppo Il Lupo e la sua Band con la quale offriamo al pubblico la musica dei Nomadi rielaborata e arrangiata in modo molto diverso, quindi non ci definiamo una cover band dei Nomadi ma bensì una Tribute band, insomma le canzoni dei Nomadi come non le avete mai sentite. Altro gruppo di cui faccio parte sono The Condom Blue dove posso suonare la musica che piu mi piace Hard Rock anni 70/80. Inoltre ho attivi 3 duet acustic, dei quali Gli Ornitorinco dove sono affiancato da Sascha Papini, voce dei Condom Blue, proponiamo musica anni 70, diciamo una versione acustica ridotta dei Condom Blue. Il Lupo e Gio Black acustic, insieme al grande Sauro Lugowsky conosciuto da tutti come Il Lupo, solo musica italiana anni 60 70. Altro duetto acustico con Kim Chomiak dove proponiamo musica a 360 gradi grazie alle notevoli doti canore di Kim. Infine da qualche mese ho una collaborazione acustica con la grande voce rock di Firenze Andrea Ranfagni detto " Il Ranfa" dove proponiamo un misto di musica straniera ed italiana. Qual è la reazione del pubblico nelle tue numerose esibizioni live? Mi ritengo un dilettante della chitarra, e cerco sempre di dare il massimo per il pubblico che ho davanti, sinceramente non sono un chitarrista molto teatrale e quando sono sul palco mi rinchiudo nel mio piccolo mondo musicale e mi dedico totalmente alla ricerca della migliore performance, spero sempre che a chi mi ascolta arrivi quello che ho dentro e quello che voglio trasmettere. Secondo te, la tecnologia ha cambiato l’interesse verso la musica dal vivo? Indubbiamente le nuove tecnologie hanno cambiato il modo di ascoltare musica, adessoqualsiasi quindicenne in possesso di un cell. di ultima generazione può comodamente ascoltare la sua musica preferita esplorando l'infinito mondo del web, la mia giovinezza l'ho passata in locali fumosi e colmi ad ascoltare band sconosciute ma sempre rigorosamente live. Cosa ne pensi dei Social Network? Sono utili per la promozione degli artisti?Come tutti ho un profilo e pagine relative ai miei gruppi su un social network, facebook, penso che possa essere un veicolo ulteriore per farsi conoscere, per quanto riguarda l'esposizione personale su facebook ritengo che sia soltanto un modo di voler attirare l'attenzione, sono geloso della mia privacy. Hai un sogno nel cassetto? Parlaci dei tuoi progetti? Oramai alla mia età i sogni musicali sono diventati utopie, comunque il mio sogno è quello di veder crescere nuove generazioni di musicisti che possano trasmettere quelle emozioni che hanno dentro, nel mio piccolo cerco di aiutare i miei giovani allievi a crescere dentro la musica ricordandogli in continuazione di essere sempre molto UMILI e ripettosi verso gli altri, d'imparare non si finisce mai. Questo è il mio progetto. Cosa ne pensi dei talent in tv? Non amo i talent tv, penso di aver visto soltanto qualche puntata per curiosità, ci troviamo davanti artisti costruiti e assemblati in base alle esigenze televisive, personalmente trovavo più interessanti coloro che senza vergogna, e magari anche senza talento, si presentavano di fronte alla giuria e proponevano la loro performance fregandosene del giudizio, almeno due risate me l'hanno fatte fare. Hai un sassolino nella scarpa da toglierti? Sinceramente non ho sassolini nella scarpa, anche perchè se ho da dire qualcosa o se c'e qualcosa che non mi sembra giusta, faccio di tutto per risolvere la situazione prima possibile, semplice, diretto e veloce. Quali sono le prossime date che hai già in programma? Menzionarle tutte sarebbe troppo lungo, comunque nei prossimi mesi di Novembre e Dicembre ho già 15 serate fissate con i vari gruppi, vi terrò informati tramite facebook. Vorrei ringraziare il mio caro amico e fratello Pierpaolo e la rivista Almax Magazine per questa opportunità che mi avete concesso. Rock on. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Piero e Lisa - Alchem]  

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento