Progetto Almax

15112015

2014 Gennaio - Band - PLASTIC MADE SOFA

Ciao Plastic Made Sofa, vi ringraziamo per la partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati.  Percorso artistico? Siamo una rock band indipendente di Bergamo, abbiamo firmato un contratto discografico con un etichetta milanese (smoking kills records) nel 2010 con cui ha visto la luce il nostro primo disco "Charlie's Bondage Club". Abbiamo avuto la fortuna di suonare su palchi importanti come quello dell'Heiniken Jammin Festival e club NME prima di partire per il tour in California lo stesso anno. Una volta a casa ci siamo messi a scrivere e così abbiamo dato forma anche a questo secondo disco. Influenze musicali? "Whining Drums" é sicuramente frutto delle esperienze che abbiamo vissuto in questi anni, così come di quello che abbiamo ascoltato. Black Angels, Tame Impala, Crocodiles, tante chitarre e tanto riverbero. Abbiamo cercato di ricreare in qualche modo l'atmosfera psichedelica dei '60. Come nascono vostre sonorità? Ultimamente stiamo suonando molto in studio, il che ci permette di fare una ricerca sulla sonorità dei pezzi, Federico sta curando la parte di produzione artistica. E' più importante un buon cd o tanta esibizione live? Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? Il live e la composizione  sono due momenti diversi, penso che siano importanti allo stesso modo. É necessario portare al pubblico uno spettacolo che racchiude un pò l'anima delle canzoni, trasportarlo nel momento in cui lo hai scritto. É un cerchio che si chiude. Chi si occupa della vostra sponsorizzazione? Collaboriamo con Lunatik per quello che riguarda la promozione, mentre il resto é interamente autoprodotto. Che opinione a riguardo del panorama artistico musicale in Italia? La musica in Italia sta vivendo dei momenti molto difficili, nonostante questo ci siamo confrontati con realtà dove la musica é portata avanti con passione. Come mai viene dato così poco spazio agli esordienti? Non siamo dei grandi ascoltatori di musica italiana, ma l'impressione accendendo la radio é quella di ascoltare sempre la stessa canzone. Mai fatto provini in qualche Talent show?Perché? Abbiamo partecipato a molti concorsi in passato, ma nessuno di questi aveva un taglio da Talent Show; di solito quelli sono adatti a interpreti.  Ad una band serve un palco e un attitudine, non uno studio televisivo e una bella faccia. Abbiamo partecipato a molti concorsi in passato, ma nessuno di questi aveva un taglio da Talent Show; di solito quelli sono adatti a interpreti.  Ad una band serve un palco e un attitudine, non uno studio televisivo e una bella faccia. Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? La soddisfazione più grande arriva sempre dalla risposta dei fan ai concerti. In un certo senso é la loro passione che muove tutto, per noi é indispensabile averli vicini per sentirsi motivati. É molto difficile trovare il modo di sentirsi realizzati nella musica; non é possibile mantenersi facendo i musicisti, ed é raro essere soddisfatti al 100% del proprio lavoro. Nonostante questo non esiste delusione abbastanza grossa se credi in quello che fai. Credete nella discografia Italiana? La nostra esperienza discografica é stata molto breve e avventurosa,mentre ora ci gestiamo  indipendentemente, per le future collaborazioni chissà... Progetti futuri ed aspettative? In questi mesi siamo in tour con il nuovo disco, suoneremo tra Dicembre e Gennaio in provincia di Bergamo e Milano (Amigdala Theatre di Trezzo, Bloom di Mezzago, Druso Circus...) mentre a Febbraio partiremo per il sud Italia. Le date le trovate tutte su www.plasticmadesofa.com o sulla nostra pagina FB. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Alessia Marani - Almax]

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento