Progetto Almax

15112015

2014 Febbraio - Band - WITKO

Ciao Witko, vi ringraziamo per la partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Percorso artistico? Ogni membro della band ha studiato musica, chi con una formazione più accademica diplomandosi in conservatorio e continuando poi lo studio indipendentemente, chi sul campo. Influenze musicali? Nel gruppo,essendo in 6,ognuno di noi ha portato le sue radici, la sua anima e di conseguenza la sua influenza musicale più profonda (dal folk al soul al rock americano alla musica cantautorale). Ogni influenza fondendosi ha generato i Witko. Come nascono le vostre sonorità? Le nostre sonorità nascono dal cuore, non vogliamo cambiare perché il mercato va a modo suo… Vogliamo arrivare alle persone per quello che siamo, per le nostre idee sincere. Le nostre sonorità variano da brano a brano perchè ogni brano ha una sua storia: da una ballade come Arcobaleno,intima e calda, si passa a pezzi più divertenti come The pigs' highway, racconti di strada o impegnati a livello sociale come Anubi… Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? Noi siamo gli agenti di noi stessi. Come mai viene dato così poco spazio agli esordienti? Perchè purtroppo oggi è in mano tutto alle major che decidono loro come far andare il mercato; le persone inoltre si adattano a questo sistema perchè ormai non c'è più la voglia di conoscere , di aprire le menti, scoprire… la curiosità rende liberi e la libertà sembra fare paura.Mai fatto provini in qualche Talent show? Mai fatti provini nei Talent show.  Rapporto con i fan? Il rapporto con i fan è aperto , alla pari.. vogliamo che i nostri brani arrivino al cuore delle persone… non solo per noi Witko , ma perchè alcuni dei nostri testi racchiudono problematiche comuni che interessano ognuno di noi…  Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? La musica è soddisfazione,amore felicità allo stato puro in quanto esiste… se non ci fosse non saremmo neanche qui a scrivere. Credete nella discografia Italiana? No. Sogni nel cassetto? Riuscire a fare arrivare il nostro messaggio a più persone possibili, far si che non ci sia più la standardizzazione della musica ma che il mercato musicale incominci ad aprire le vedute accettando idee nuove. Se fossero ancora in vita i musicisti anche solo del 900 ora come ora riderebbero del nostro mercato musicale attuale perchè purtroppo di innovativo si è fatto ben poco… ma d'altronde l'arte rispecchia la società… Progetti futuri ed aspettative? Non si può dire tutto tutto… ci piace essere misteriosi… per cui... seguiteci... Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Alessia Marani -  Almax

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento