Progetto Almax

15112015

2013 Novembre - Scrittore - EMANUELE MARCUCCIO

Ciao Emanuele, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Come ti sei avvicinato alla scrittura? Innanzitutto grazie per questa intervista. Mi avvicinai per la prima volta alla scrittura, mi misi a pasticciare in versi, a poco più di quattordici anni, nel 1988, per una infatuazione amorosa, dico “pasticciare” perché, col senno di poi, erano dei semplici esercizi e non poesie, scriverò la prima vera poesia a sedici anni, dopo quasi due anni di quegli esercizi. Il tuo percorso?  Ho iniziato a scrivere poesie nel 1990 e aforismi e pensieri nel 1991. Nel 2000 per la prima volta il mio nome compare in un libro, un’antologia di poesie e brevi racconti, Spiragli 47, edita da Editrice Nuovi Autori, e nel 2009 esce la mia raccolta di poesie Per una strada, edita da SBC Edizioni. Dal 2010 collaboro con la scrittrice e poetessa, Gioia Lomasti, curando finora cinque sillogi di poesie; nel 2012 esce il mio secondo libro, la mia raccolta di aforismi e pensieri vari, Pensieri minimi e massime, edito da Photocity Edizioni e con la cura editoriale di Gioia Lomasti (anche con un suo cameo poetico in dedica). Sono presente in numerose antologie poetiche di autori vari, dal 2000 a oggi, tra cui la più importante, all’inizio di quest’anno, L’evoluzione delle forme poetiche, Archivio storico e consuntivo critico (realizzato per le scuole) dell’ultimo ventennio poetico (1990-2012), edita da Edizioni Kairòs. In questa importante pubblicazione sono presente insieme ad altri 280 poeti, tra cui voci note della poesia italiana contemporanea come Mario Luzi, Giovanni Giudici, Alda Merini, Edoardo Sanguineti, Andrea Zanzotto, Elio Pecora, Umberto Piersanti (candidato al Nobel per la Letteratura), Davide Rondoni, Giovanni Raboni, Luciano Erba, Giancarlo Pontiggia, Giuseppe Conte, Maria Luisa Spaziani, Giovanna Bemporad, Franco Buffoni e tanti altri. Il 10 settembre di quest’anno, Photocity Edizioni ha pubblicato un ampio saggio monografico sulla mia produzione, curato dallo scrittore e critico letterario, Lorenzo Spurio. E sempre nello stesso giorno ha pubblicato un’antologia poetica, da me ideata e curata, Dipthycha, che mi vede presente con ventuno poesie, accompagnato in dittico di uguale tema, da altre poesie di autori vari. Di cosa tratta la tua pubblicazione più recente? La mia pubblicazione più recente è uscita con Photocity Edizioni nel 2012, Pensieri minimi e massime, si tratta di una raccolta di aforismi e pensieri vari, ottantotto per la precisione, di cui quarantotto hanno per tema la poesia, e in appendice si potrà leggere una mia introduzione alla poesia. Gli altri temi affrontati sono i più disparati, e vanno dalla natura al tempo, alla morte, dal rispetto per gli animali alla religione, dalla letteratura alla musica e all’arte, dalla scrittura all’amore. Aforismi di argomento civile come “Lo stato non fa altro che importunarci con la sua fastidiosa e puntigliosa burocrazia che, non fa altro che pungerci e importunarci come uno sciame d’insetti.” o amorosi come “Bisogna rimanere immobili per far sì che l’anima della persona amata ci pervada, che la sua profondità ci tocchi; in quell’istante, anche il tempo sembra fermarsi e l’attimo diviene eterno.” o i numerosi che hanno per tema la poesia, come “Dietro ogni poesia, dietro ogni parola, è nascosto un verso della poesia che giorno per giorno ognuno scrive con le lacrime del suo cuore, di gioia o di dolore.” Come nasce un tuo scritto? Da dove trai gli spunti? Riguardo agli aforismi, come per le poesie, traggo ispirazione da tutto ciò che è intorno a me, che colpisce la mia attenzione piena di meraviglia; da tutto ciò che mi accade e da quello che leggo e ascolto. La cosa più importante, però, è la meraviglia nel guardare il mondo, questa è la vera fonte dell’ispirazione. Cosa ne pensi dei concorsi editoriali? Penso che i concorsi letterari, quando organizzati in maniera onesta, come ho avuto modo attualmente di “toccare con mano”, grazie alla mia terza esperienza di membro di giuria, possono contribuire a dare una fama presso i critici, ma non sono una bacchetta magica presso i lettori, a volte, neanche il Nobel per la Letteratura lo è. Una soddisfazione? La soddisfazione più grande come scrittore, oltre alla pubblicazione di due libri, è che questo mese è uscito un saggio monografico di ben 76 pagine sulla mia scrittura, con Photocity Edizioni, curato dallo scrittore e critico letterario, Lorenzo Spurio. Penso che non ci sia soddisfazione più grande quando scrivono addirittura un libro su di te. Qualche sassolino nella scarpa? Scusa, ma preferisco tenerli per me, al massimo li trasfiguro con la poesia. Sogni nel cassetto? Sì, terminare finalmente e poi vedere pubblicato il mio dramma in versi, ambientato in Islanda, la cui scrittura è iniziata nel lontano 1990. Credi nell'editoria Italiana? Parlo secondo la mia esperienza, riguardo al primo libro pubblicato nel 2009 con SBC Edizioni. L’unica nota positiva è che il libro è abbastanza distribuito nelle librerie on-line, e dal 2012, dopo quasi tre anni dalla pubblicazione, Per una strada è disponibile anche su “amazon.it”. La verità è che solo le grandi case editrici promuovono i loro autori, e ben poche sono le case editrici che promuovono i nuovi autori (precisamente quelli che non sono raccomandati da un politico), sono perlopiù piccole case editrici e sconosciute al grande pubblico. Io dal 2010 faccio anche il curatore editoriale, non certo di SBC Edizioni, ho curato prefazioni a sillogi poetiche curando la pubblicazione di cinque raccolte di poesie, per case editrici medio-piccole, che si limitano perlopiù alla distribuzione e non alla promozione. Per la promozione degli autori collaboro felicemente con la scrittrice e poetessa, Gioia Lomasti, curatrice del sito-web di promozione autori/artisti “Vetrina delle Emozioni”. Progetti futuri? Sì, la pubblicazione nel 2014 di un terzo libro, una seconda raccolta di poesie, ho già trovato la casa editrice interessata a pubblicarla. Raccoglierà le poesie scritte tra il 2008 e il 2013 e si intitolerà Anima di poesia. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Alessia Marani - Almax]  

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento