Progetto Almax

15112015

2012 Novembre - Scrittore - LORENZO CARBONE

ALMAX MAGAZINE

Ciao Lorenzo, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Come nasce la passione per lo scrivere? Mi avvicinai alla scrittura per la prima volta nel 2009, quando una persona che mi era molto vicino mi disse così dal nulla “Ma tu, perchè non provi a scrivere?” Accettai la sfida di essa e cominciai a farlo. Ero dubbioso su ciò che avrei scritto e su ciò che mi si sarebbe prospettato, ma andai avanti lo stesso. Tempo dopo persi quella persona, ma non persi mai il mio obbligo che mi era dato per la scrittura. Il tuo tragitto? Ricordo ancora il mio primo racconto , si intitolava “Il Cuore del Diavolo”, e nonostante i contenuti alquanto “duri” e “osceni” ebbe delle buone recensioni online, e mi permise anche di cominciare a scrivere per diversi siti (il più importante rimase Arquen. Net, sito ancora in funzione e molto valido). Ho sempre letto molto, e fin da piccolo ho avuto una gran fantasia, più incentrata sul negativo e sull' oscuro,ma non ho mai avuto il coraggio di scrivere, ne parlare dei miei “piccoli incubi tutti miei” che creavo. Non voglio fare assolutamente la figura dello scrittore maledetto, ma diciamo una cosa, che il dolore di certe mie esperienze mi sono state utilissime, e il dolore mi ha dato un'enorme spinta in avanti, e lo ringrazio per questo. I tuoi scritti? La mia prima pubblicazione si intitola “Memorie dal Nulla, un semplice viaggio nell' assoluto”, e racchiude in se gran parte dei miei racconti brevi noir \gotici, sulla falsariga dei capolavori di Edgar Allan Poe . Io non sono neppure un frammento del suo genio, ma è sempre stato una delle mie “guide spirituali”. Tornando a noi, “Memorie dal Nulla” è diviso in due parti: la prima si intitola “Memorie della Luce” dove parlo di tutto ciò che chiamo “Bene” (concetto assai astratto), partendo dall' umiltà animale, fino all' amore di colui che nella vita ha solo le tenebre. Ed è proprio a loro che è dedicata la seconda parte del libro. “Memorie della Tenebra” racchiude la vergogna dell' Homo sapiens sapiens; Incesti, colpe ignobili, violenza, avvelenamento della Terra, idee malate, e purtroppo, molto altro. Alla fine del libro, Sindry (il mio alter ego) cercherà di far capire all' uomo perchè deve aver fiducia e allo stesso tempo, odio per il Nulla. Il mio secondo lavoro è un romanzo gotico\storico e si intitola “Vedrai chi Sono, la Nascita dell' Uomo”. La storia inizia durante la guerra dei contadini (1524-1526, Sacro Romano Impero Germanico), tre mercenari, Vashna Von Carnstein, Krahe Fin e Matthias Zauber vengono ingaggiati da un nobile locale per uccidere sua moglie, che lo ha tradito. Questa potente contessa, di nome Serena Trantul, è protetta da un guerriero imbattibile, chiamato Angelo Muto. Vashna e i suoi alleati ben presto scoprirano che la contessa Trantul è solo la punta dell' iceberg, un iceberg che racchiude una guerra millenaria, dove personaggi storici di ogni epoca come: Giulio Cesare, Hernan Cortes, Oda Nobunaga e Maximilliene Robespierre combattono tra di loro per far valere la propria ideologia. Sei favorevole ai concorsi poetici? Si, ho partecipato ad un concorso “A Voce alta” e sono arrivato tra i primi sei semifinalisti sui cinquanta che si erano presentati. Sono pienamente favorevole ad essi, non solo perchè si può conoscere molta gente che la stessa passione, ma anche vedere cosa deve essere migliorato, cosa no, o cosa essere del tutto modificato. Credi nell'editoria Italiana? Voglio crederci,anzi devo crederci, non ho altra scelta, benchè abbia già incontrato personaggi alquanto “nebulosi” circa i loro veri interessi. Soddisfazioni? Ogni volta che io scrivo sono felice, sento che mi libero da un peso, da un fardello che non ho ancora capito quale veramente possa essere, ma mi libero da tutto questo, anche se per poco, la cosa mi soddisfa moltissimo. Ma se vogliamo parlare di due momenti davvero soddisfacenti, il primo rappresenta il momento in cui mi arrivarono le copie di “Memorie dal Nulla” direttamente a casa. Il secondo rappresenta la serie di volte che la mia ragazza si commuove quando legge le poesie che le dedico. Sassolini nella scarpa? Tanti … troppi, veramente tanti,ma come ho detto prima, se non li avessi mai avuti non sarei quello che sono ora, e francamente, dopo tanto tempo, sono finalmente soddisfatto di me stesso. Un Sogno nel cassetto? Beh, ho il sogno nel cassetto di ogni scrittore, divenire famoso, ma avrei anche qualcosa di più ambizioso, ovvero quello di divenire eterno. Non corporalmente ovvio, quello è utopistico, ma poter essere ricordato, da tutti, che sia con un sorriso, con una risata o con il sol pronunciare il mio nome possa essere una bestemmia, quello non mi interessa. Sono un debole e per questo che ho bisogno di questo, e fiero di essere un debole. Progetti futuri? Ho in cantiere un secondo romanzo ,il quale si chiamerà “Impero, antropologia di una distopia”. In questo libro, dalle tinte alquanto cupe , si narra la storia di un futuro distopico, dove un impero gestisce la vita dei suoi abitanti come file di un computer. Parole come “amore” “odio” “sesso” “ciao” non esistono, non servono nell impero di Mask . In questo mondo, grigio e senza sentimenti (considerati “dispendio di forza lavorativa”) due fratelli estremamente differenti: Lucian e Ceasar (il nome dei miei due adorati nonni) Von Kroemel lavorano come ZOA, ovvero detective-poliziotti-giudici-avvocati-magistrati per conto dell 'impero, arrivando pian piano a scoprire tutta la verità che si cela dietro a questo enorme i,n�Mm��8 �Nulla” è diviso in due parti: la prima si intitola “Memorie della Luce” dove parlo di tutto ciò che chiamo “Bene” (concetto assai astratto), partendo dall' umiltà animale, fino all' amore di colui che nella vita ha solo le tenebre. Ed è proprio a loro che è dedicata la seconda parte del libro. “Memorie della Tenebra” racchiude la vergogna dell' Homo sapiens sapiens; Incesti, colpe ignobili, violenza, avvelenamento della Terra, idee malate, e purtroppo, molto altro. Alla fine del libro, Sindry (il mio alter ego) cercherà di far capire all' uomo perchè deve aver fiducia e allo stesso tempo, odio per il Nulla. Il mio secondo lavoro è un romanzo gotico\storico e si intitola “Vedrai chi Sono, la Nascita dell' Uomo”. La storia inizia durante la guerra dei contadini (1524-1526, Sacro Romano Impero Germanico), tre mercenari, Vashna Von Carnstein, Krahe Fin e Matthias Zauber vengono ingaggiati da un nobile locale per uccidere sua moglie, che lo ha tradito. Questa potente contessa, di nome Serena Trantul, è protetta da un guerriero imbattibile, chiamato Angelo Muto. Vashna e i suoi alleati ben presto scoprirano che la contessa Trantul è solo la punta dell' iceberg, un iceberg che racchiude una guerra millenaria, dove personaggi storici di ogni epoca come: Giulio Cesare, Hernan Cortes, Oda Nobunaga e Maximilliene Robespierre combattono tra di loro per far valere la propria ideologia. Sei favorevole ai concorsi poetici? Si, ho partecipato ad un concorso “A Voce alta” e sono arrivato tra i primi sei semifinalisti sui cinquanta che si erano presentati. Sono pienamente favorevole ad essi, non solo perchè si può conoscere molta gente che la stessa passione, ma anche vedere cosa deve essere migliorato, cosa no, o cosa essere del tutto modificato. Credi nell'editoria Italiana? Voglio crederci,anzi devo crederci, non ho altra scelta, benchè abbia già incontrato personaggi alquanto “nebulosi” circa i loro veri interessi. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. [Intervista di: Alessia Marani – Almax]

SFOGLIA IL MAGAZINE

Lascia un commento