Progetto Almax

15112015

2012 Novembre - Scrittore - MAURIZIO SPREGHINI

ALMAX MAGAZINE

Ciao Maurizio, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Come ti sei avvicinato alla letteratura? La passione per la scrittura nasce da molto lontano, era ancora l'epoca in cui il rumore sordo di una macchina da scrivere deliziava i miei lobi e faceva spazientire i vicini per il rumore nell'ora tarda della notte. Nasco nel periodo di massima evoluzione del settore, negli anni 90, un po' per gioco e un po' per scaricare le mie emozioni. Nasco poeta ma con il passare degli anni mi sono avvicinato molto di più allo stile romanzesco, lasciando sempre all'interno degli scritti quella sfumatura poetica che da' sostegno e forza al pensiero espresso. Nel tuo attuale sei autore di molti scritti. Ci racconti brevemente il tuo percorso artistico? La mia prima opera e' del 1996, un'antologia di poesie dal titolo LE STRADE DELLA VITA. un periodo di stasi nelle pubblicazioni che mi catapultano al 2011 dove pubblico grazie al sito online lulu.com ERRANDO NEI MEANDRI DEL MIO IO... , anche questa una raccolta di poesie molto introspettive. Scrivo e pubblico nel 2011 anche il mio primo romanzo IL SOGNO IN UNA VITA edito con la casa editrice online lulu.com, seguito a breve da un'altra raccolta di poesie in connubio con altri 11 scrittori riuniti nel circolo letterario La bottega dei viandanti di cui sono il curatore e promotore, dal titolo LE STRADE DELLA VITA ATTENDONO..COGLI OGNI ATTIMO edito con lulu.com. A breve sarà online anche la mia antologia poetica LIBERARE I PENSIERI e un romanzetto dal titolo ASPETTANDO IL VERDE... E' DI NUOVO ROSSO editi dalla casa editrice online lulu.com. Ad ottobre sono usciti due miei racconti sul sito della Liant.it dal titolo LIBERO e LA FORESTA DI CARTA. A quale dei tuoi testi ti senti particolarmente legato e per quale motivo? A quale dei tuoi testi ti senti particolarmente legato e per quale motivo? Il testo che più mi rappresenta è quello che ho ancora nel cassetto e pronto per la pubblicazione. L'evolversi del mio modo di scrivere non mi permette di dire se un opera più mi rispecchia o no.. Comunque prediligo il mio ultimo racconto LA FORESTA DI CARTA edita in un e-book con la Liant.it, dove con un linguaggio semplice riesco a parlare d'ecologia legata all'affetto di un bambino per un oggetto inanimato. Com'è cambiata la tua vita artistica dai tuoi esordi sino ad oggi? La mia vita artistica si è semplicemente evoluta, in me e' cambiato poco, anzi pensandoci bene nulla. Ho ricevuto riconoscimenti per le mie poesie e attestati di stima che mi hanno spinto a scrivere di più. Il Maurizio di una volta e' lo stesso di ora, solo con qualche capello bianco in più. Come nasce l'ispirazione dei tuoi scritti? L'ispirazione nasce da qualsiasi cosa io legga o di come interpreto una realtà. Spesso capita di sentire ragionamenti o essere partecipi di avvenimenti i cui risvolti non sono come li vorremmo o immaginiamo. Come nasce l'ispirazione dei tuoi scritti? L'ispirazione nasce da qualsiasi cosa io legga o di come interpreto una realtà. Spesso capita di sentire ragionamenti o essere partecipi di avvenimenti i cui risvolti non sono come li vorremmo o immaginiamo. Semplicemente dico la mia, scrivendo tramite metafore il mio pensiero talvolta un pò ermetico ma atto quasi sempre ad una morale. Semplicemente dico la mia, scrivendo tramite metafore il mio pensiero talvolta un pò ermetico ma atto quasi sempre ad una morale. Credi nell'editoria Italiana? Credi nell'editoria Italiana? L'editoria italiana è in evoluzione, a breve il cartaceo sarà sostituito dall'e-book. Questo argomento lo spiego nei dettagli nel racconto da me scritta LA FORESTA DI CARTA in cui spiego che anche se sarà deleterio per la sensazione provata dai polpastrelli nello sfiorar una pagina di carta, l'evolversi della tecnologia ci porterà a freddi fogli elettronici. L'editoria a pagamento da anni non e' più nel mio Dna, credo che vadano premiati gli scrittori con la S maiuscola anche esordienti che riescono a far volare l'anima, e fatti crescere quelli che ancora non vi riescono. Non credo che sborsare 1.400 euro o giù di li per pubblicare un libro aiuti chi scrive, secondo me lo trascinano nel mondo fatato per poi metterlo a pulire le stanze dei ricordi recriminando su come si e' evoluta la cosa. Quali sono state le tue letture ispiratrici e Qual è l'ultimo libro che hai letto? Leggo di tutto, dal quotidiano al volantino o all'ultimo best sellers. Amo wilbur Smith e l'antico Egitto e credo che in fondo il suo modo di scrivere legato all'egittologia di un tempo mi abbia portato fin qua. Credi nella collaborazione artistica? Ci credo fortemente nella collaborazione, il circolo da me creato ne e' la riprova. Bisogna sempre confrontarsi e trarre spunto e giovamento dal pensiero di chi abbiamo al nostro fianco ,lasciando agli ipocriti la sensazione che solo se stesso sia il portavoce della verità. Qualche sogno ancora nel cassetto? Vivo di realtà e al momento ne sono entusiasta. Aspetto solo di sentir un mio scritto cantato da un artista, poi potrò dire di aver fatto tutto dei miei pensieri. Credo molto nella collaborazione che ho con la liant.it, il loro modo e' molto innovativo e atto alla distribuzione per i dispositivi mobili. Ho altri racconti e pensieri da trasmettere tramite loro, nell'umiltà che poi ognuno possa trarre le sue conclusioni e non le mie. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. Grazie per l'intervista e buona giornata. [Intervista di: Alessia Marani – Almax]

 

SFOGLIA IL MAGAZINE

Lascia un commento