Progetto Almax

15112015

2013 Febbraio - Scrittore - FRANCO LEONETTI

Ciao Franco, ti ringraziamo per la tua  partecipazione su Almax  Magazine di cui siamo onorati. Come ti sei avvicinato alla scrittura? Io elaboro sin da quando ero ragazzino, la mia passione per la scrittura mi ha spinto ad abbracciare la professione di giornalista sino ad arrivare a pubblicare opere editoriali mie. Non dico che sia stato automatico, ma il tutto si è materializzato come un processo graduale che mi ha consentito di esprimermi su argomenti disparati e diversi da quelli che affronto giornalmente nello svolgimento del mio mestiere. Scrivere per il sottoscritto è sinonimo di vita! Il Tuo percorso? Tante esperienze, impossibili da raccontare tutte. Liceo Scientifico, le prime sperimentazioni da collaboratore per fanzine e poi per pubblicazioni musicali a livello nazionale, poi la Laurea in Lettere, tanti mestieri e cocenti delusioni prima di riuscire a concentrami totalmente sulla scrittura. Ho sempre avuto un pallino spiccato per le analisi, le ispezioni, le osservazioni ravvicinate della società strana e strampalata in cui viviamo. Mi piace esaminare, vivisezionare, imparare dagli individui contemporanei che vivono i nostri stessi ritmi, in questa roulette impazzita che è il mondo odierno. Quindi, come scrittore, amo comporre su questi argomenti, che non sono necessariamente tutti di denuncia o con un fil rouge negativo, anzi, esistono tante persone umane e di valore con storie stupende e positive che vanno evidenziate. Proprio come succede con i personaggi presenti nelle mie divulgazioni letterarie. Di cosa tratta la tua pubblicazione? Sei Note di Pentagramma è un volume costituito da diciotto racconti indipendenti accomunati da sensazioni, concezioni e analisi, riguardanti la società attuale. Il contemporaneo che contamina la realtà, infiltrazione di ritmi viziati nella serenità di personaggi che faticano a trovare linee guida per anelare ad una vita migliore, più umana. Una lettura profonda dei flussi esistenziali, nuove interpretazioni di quello che è il solito tran tran quotidiano, opportunità che tramontano e lasciano smarriti. La musica e l’amore per essa, lega ogni vicenda: in alcuni racconti le note di pentagramma sono elemento trainante e risolutivo della narrazione, in altre le si percepisce in modo più soffuso, in altre ancora fungono da colonna sonora, distaccata, ma presente. Un arcobaleno dalle sfumature, ora tenui ora forti, caratterizzazioni e contesti che esistono come tessuto connettivo del presente in cui ci concentriamo tutti, ognuno con i propri progetti, sogni, delusioni, vittorie, amarezze, speranze. Personaggi che giungono a realizzarsi grazie a percorsi alternativi, individui feriti a morte che sbarcano il lunario senza fiatare, caratteri che stentano in esistenze borderline rispetto alla centrifuga di conformismo che permea e costituisce l’incandescente altoforno in cui si dibatte la società dei nostri tempi. Rabbia, rassegnazione, battaglie, voglia di indipendenza, crescita, crepuscolo…sono solo alcune delle percezioni contenute in questi racconti di vita. Come nasce un to scritto? Da dove trai gli spunti? Per Linea D'Ossigeno, il mio romanzo d'esordio, l'idea è montata lentamente,grazie ad un fattore scatenante, poi tutti si è concatenato, per Sei Note di Pentagramma, le idee per i racconti nascevano man mano, prestando attenzione ad un articolo di giornale, osservando la gente sul metrò, in spiaggia piuttosto che in un locale. Un serbatoio di annotazioni, appunti, comportamenti, calati in questo nostro mondo mefitico che spesso fa trapelare, in gran parte, messaggi negativi e nichilisti, ma che nasconde, quasi per pudore, gli aspetti positivi, gli atteggiamenti corretti e le belle persone. Gli spunti per creare, nascono dalla mia attenta osservazione di ciò che ci circonda. Cosa ne pensi dei concorsi editoriali? Sinceramente non  ho grande esperienza di concorsi editoriali e l’idea non mi attira più di tanto, un po’ come il boom dei corsi per scrittura creativa che ritengo utili solo ad alcuni personaggi: solitamente a chi li mette in piedi, tanto per intenderci. Se un libro possiede contenuti validi, stile d’esposizione scintillante e un autore che sa veicolare il messaggio, non vedo tutto questo bisogno di elementi accessori. Una soddisfazione? Vedere Linea D’Ossigeno, mia opera d’esordio, accaparrarsi una fetta di ottime critiche e vendite, con tanta gente intervenire alle presentazioni, prodighe di complimenti, mi ha convinto che potevo continuare a scrivere narrativa. Un piccolo mini-caso editoriale che mi ha fornito forza e convinzione per proseguire. E’ stato emozionante avere dei riscontri così immediati che mi hanno poi sostenuto nella stesura di Sei Note di Pentagramma. Ringrazio tutti coloro i quali hanno speso un pezzetto del loro tempo per interessarsi e leggere i miei libri. . Un’ennesima soddisfazione è la prefazione scritta dal Prof. Claudio Gorlier, eminenza grigia dell’editoria italiana negli ultimi 40 anni, il quale, dopo aver letto la stesura primordiale di Sei Note di Pentagramma ha voluto, a tutti i costi, redigere l’introduzione: un tributo che mi ha reso orgoglioso e felice.  Qualche sassolino nella scarpa? Con Sei Note di Pentagramma ho “sfidato” il sistema editoriale. Tutti mi sconsigliavano di scrivere racconti, molti editori mi hanno voltato le spalle bollando il mio progetto come :"poco commerciale...perchè i racconti non si vendono". Personalmente ho la testa dura e sono andato avanti nella scrittura e, ad oggi, ho avuto ragione io, con questa pubblicazione da parte di Lettere Animate, editore giovane e indipendente ma combattivo e attentissimo alla qualità delle proposte. Veder certi personaggi divenuti muti e neutri mentre in un recente passato denigravano a prescindere, con valutazioni sul manoscritto a dir poco terroristiche, è un altro sassolino da cavare fuori.  Sogni nel cassetto? Poter pubblicare le proprie intuizioni, rilegate su carta, senza troppi patemi d’animo nella ricerca di un editore che creda nel mio progetto scrittoriale. Ma mi rendo conto che più che un sogno nel cassetto, somigli a una cruda utopia. Credi nell'editoria Italiana? Nessun editore major investe più sui giovani o sulle nuove proposte: il mercato viene invaso da volumi “scritti” da personaggi famosi che sono già venduti senza bisogno di promozione e ulteriori budget di spesa. E nemmeno i lauti ricavi, provenienti da queste operazioni, vengono reinvestiti per chi è meritevole d’emergere dall’anonimato. Il che è francamente inquietante e demoralizzante. Trovo poi di cattivo esempio che grandi signori dell'editoria impongano un modus d'espressione ad uno scrittore: questo si, quello no, secondo i loro interessi di vendita o piazzabilità di un volume...tutto totalmente assurdo. Scrivere è ispirazione, fantasia, studio minuzioso, non mestiere contabile che deve  far di conto. Anche l'espressione artistica, ormai, deve essere incasellata dai "grandi padroni", che magari senza leggere un'opera, discriminano sulla tipologia di proposta, qualcuno, magari, senza aver nemmeno visionato il manoscritto: fantasy si, racconti no, romanzo forse, poesia mah.. avventura superata, ecc. Io mi ribello a questa legge di comodo, e vado avanti per il mio sentiero tracciato. Che non può esser null’altro che indipendente, per i motivi appena estrinsecati. Progetti futuri? E’ cominciato un ciclo promozionale sui media per cercare di veicolare il più possibile i messaggi del mio nuovo libro: web, carta stampata, radio e tv. Poi partiranno a breve le presentazioni di Sei Note di Pentagramma, non vedo l’ora di incontrare, fisicamente, tutte le persone che mi hanno fatto pervenire messaggi di gradimento per questo nuova editazione. Mi piace confrontarmi con la gente, è una modalità che gradisco molto. Ho già cominciato a scrivere il terzo capitolo della mia personale saga e ho in mente il quarto. Vedremo che accadrà. “INTERVISTA A FRANCO LEONETTI, Autore di  SEI NOTE DI PENTAGRAMMA (LETETRE ANIMATE EDITORE)” Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Martina Galvani]                        

SFOGLA IL MAGAZINE  

Lascia un commento