Progetto Almax

15112015

2013 Marzo - Attore - GIUSEPPE COSSENTINO

Ciao Giuseppe, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax  Magazine di cui siamo onorati. Il tuo percorso artistico?  Il mio percorso artistico come autore/scrittore di narrativa e di serialità è iniziato nel 2006 quando ho vinto una menzione d'onore per un concorso letterario internazionale per la narrativa giovane, indetto dalla prestigiosa associazione culturale Napoli Cultural Classic, con il racconto drammatico in poche righe " Dopo il Perdono". Fu una bella soddisfazione. Quel concorso fu il mio portafortuna e cominciai a lavorare saltuariamente alla realizzazione di episodi radiofonici di fiction per delle radio locali della provincia di Napoli. Cominciai anche a seguire conferenze sulla fiction italiana con maestri d'eccezione del genere come Daniele Carnacina (Produttore creativo Di Vivere, Centovetrine, e Vento di Ponente), Maurizio Costanzo e Maria Venturi (la scrittrice a luci rosa e autrice di fiction di successo come Incantesimo, Butta la Luna e Paura d'amare). Fino a quando nel 2010 non scrissi la prima stesura di "Passioni Senza fine", e così ci fu l'idea di creare la prima radiosoap italiana interamente prodotta per internet. Una novità esclusiva in Italia. Con tutti attori professionisti, chi dal teatro, doppiaggio, cinema, tv e radio. Come la nota attrice Maria Rosaria Virgili, regina dei primi radiodrammi Rai, Matilde ed Andrea e poliedrica attrice teatrale che ha spaziato dal teatro di Luisa Conte, da Taranto, Croccolo e Rizzo. Guendalina Tambellini, Giuseppe Scaglione, Lorenzo Patanè ed Emanuela Tittocchia. Passioni Senza fine dal 28 Febbraio 2011 appassiona oltre 100 mila internauti annuali che ascoltano gli episodi radiofonici con grande interesse e curiosità. Il successo di Passioni senza fine mi ha portato a scrivere un'altra radiosoap sulla criminalità organizzata, Clan, con sempre protagonista Maria Rosaria Virgili, nel ruolo di una pericolosa boss della camorra, con accanto l'attore Danilo Rovani ( primo attore di Gigi Proietti), questa volta per radio Crc Targato Italia, una nota emittente campana. Inoltre, il boom è stato l'esordio in video proprio quest'anno, di Scandali, una webseries dal sapore di fiction televisiva che sta avendo un buon riscontro di pubblico appassionando migliaia di internauti, un progetto impegnativo di cui ho avuto la valida collaborazione di un regista valido come Mimmo Morlando e una buona produzione come la Multimedia  Morlando e la collaborazione anche questa volta di attori professionisti anche a questo progetto ha partecipato Lorenzo Patanè, attore italo tedesco lanciato dalla soap opera Tempesta d'amore a livello internazionale. Il resto è storia. Quali sono le icone di riferimento? Sicuramente le mie icone di riferimento sono i grandi serial americani come Dallas, Dynasty, Melrose Place e i radiodrammi del passato del quale cerco di evocare i vecchi fasti in delle formule nuove ed innovative. Invece come scrittori, Maria Venturi, come scrittrice italiana invece come scrittori americani Marc Cherry creatore di Desperate Housewises e Ryan Murphy creatore di Nip/Tuck, American Horror Story e Glee. Come senti la tua notorietà? E' più importante una buona produzione o una buona pubblicità per ottenere ascolti? Bella domanda. Io sento la notorietà a volte come un gran peso. Non mi fraintendere non che non mi fa piacere la vedo come una conseguenza ed un premio ai tanti sacrifici che ho fatto fino ad arrivare a questo punto. Anche se la strada da fare è ancora molto lunga e difficile, ma a volte la notorietà è una bella spada sulla testa, in cui ci sono giorni che dici vorrei tornare ad essere quel ragazzo semplice di paese, chi me lo ha fatto fare. Ma alla fine, le soddisfazioni sono tante e ti spingono a fare sempre di pià dandoti quella dose di adrenalina che non guasta. Produzione o pubblicità? Io dico entrambe. Per come la penso se c'è una produzione buona alle spalle è lei che deve garantire una buona pubblicità al prodotto se ci crede veramente perchè altrimenti è inutile produrre una cosa se non ci credi. E per avere ascolti non basta avere produzione o pubblicità, ma qualità. Qualità di storie, sceneggiature, attori e tanta tanta professionalità con la cooperazione e l'unità di tutti come un grande team, di quelli che partecipano ad un progetto comune con il fine di un risultato che possa soddisfare tutti. Che opinione hai a riguardo del panorama artistico in Italia? E' deprimente. Non c'è meritocrazia, abbiamo tanti attori in Italia anche sconosciuti che purtroppo sono soppiantati dal commercio dei soldi facili. Soprattutto in questi tempi, di crisi che sta attraversando il nostro Paese e non solo. E' una crisi economica generale, in tutti i settori e in tutto il mondo. Allora le grandi produzioni ormai tentano, l'approccio solo agli attori di nome andando sul sicuro e investendo i soldi su prodotti che sicuramente avranno successo. Raccomandati, Starlette ormai vanno avanti. Mentre la cultura qui in Italia è sempre più il degrado totale. Chi si occupa della tua sponsorizzazione? In verità stesso il web. Ho molta fiducia nel nuovo mezzo di comunicazione come anche i social network facebook, twitter, youtube e tanti altri e mi dispiace tanto che l'Italia come al solito è un paese bigotto e dalla mentalità ancora arretrata, chiusa. E credo che sia una cosa vergognosa in un paese come il nostro che ha tante potenzialitù anche a livello culturale. Come mai viene dato poco spazio agli esordienti? Un tuo provino? Perchè purtroppo le grandi produzioni vanno sui nomi. Non puntano su autori, attori, che sono emeriti sconosciuti è la mentalità italiana la posso accettare ma sicuramente non condivido questa mentalità dato che in Italia soprattutto lavorano sempre i soliti artisti. Un mio provino beh a breve farò un test per una grande produzione storica come dialoghista, una serie che va da anni e continua con grande successo, ma non posso svelare che serie essendo napoletano sono scaramantico. Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo tv e teatro? Credi nella notorietà Italiana? Credo che ci siano più soddisfazioni almeno parlo di me. La delusione più grande è quella di trovare nell'ambito artistico sempre idioti e saccenti che non sanno fare il proprio lavoro, palloni gonfiati che si credono dei miti invece io sono sempre me stesso. Rapporto con i fan? Il rapporto con i fans è meraviglioso. Sono proprio loro che mi danno la carica in questa continua battaglia per difendere i diritti del lavoro artistico che da molti non è considerato lavoro, ma un hobby, ma non è così. Loro mi inondano di messaggi su facebook, suggerendo le storie ai miei progetti, insultando i personaggi cattivi è diventente leggere i loro messaggi carichi di amore e stima nei miei confronti. E poi sono un autore moderno con i fans, anche se tanti ho un contatto diretto con il social network facebook... Sogni nel cassetto? Che Passioni Senza fine e Scandali vengano acquistate da un canale nazionale. Continuare il mio lavoro di autore e creatore di storie come un grande artigiano arrivando perchè no anche ad un bel film al cinema altamente drammatico che faccia riflettere. Progetti futuri ed aspettative? Sono diversi e sono molto contento questo vuol dire che ho seminato bene i semi e sto raccogliendo i frutti del mio lavoro.Mi sto occupando insieme a Marco Ferrara mio collega sceneggiatore e caro amico della realizzazione di Heaven una nuova serie tv che esordirà tra Marzo ed Aprile sul web, ma si punta alle tv e ai festival nazionali. Un progetto molto ambizioso che mi affascina molto. Sono anche su un progetto pilota di Serie tv con il regista Luca Maisto ancora top secret, un qualcosa credo di mai visto in Italia in stile americano e con lo stesso regista collaborerò per la prima volta alla realizzazione di short film su tematiche sociali importanti per partecipare a diversi concorsi e festival nazionali. Con la stessa Produzione di Scandali la Multimedia Morlando, è in cantiere una serie gotica dal titolo Anatema dove ho il piacere di collaborare nuovamente con il regista Mimmo Morlando e l'altro autore Giuseppe Cozzolino, uno dei creatori della prima serie fantasy Legends andata in onda sul canale Sify di Mediaset Premium. Le aspettative? Che tutti questi bei progetti si realizzano ed hanno lo stesso successo di passioni e scandali se non di più. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Alessia Marani – Almax]  

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento