Progetto Almax

15112015

2013 Gennaio - Racconti Brevi - MEMORIE

Vite violate da chi ci ha fatto oltrepassare un limite e così facendo ci ha rinchiuso in un labirinto dove nessuno vorrebbe entrare... e una volta dentro percepirai solo un ematico dolore e lui da lì in poi ti farà da padrone... la rotta del tuo destino s'inverte , sconfina togliendoti dignità,ti apre una fessura da dove puoi intravedere il confine... conoscerai la linea che presto diventerà il limite che dalla ragione te ne porterà all'assenza... Estrema resistenza poni a quel gioco irragionevole,resistenza ad una condanna imposta da un austero destino .Diverrai ospite di un mondo che non conosci,avrai un compagno chiamato silenzio,che durante il viaggio dissolverà tutti i bei ricordi e sarà una condanna atroce...sarà perdere se stessi. Immensa è la voracità di quei silenzi non ascoltati,diventeranno gabbie che si stringano intorno al petto,tanto strette da farti sentire affamato di aria... Proverai paura , la lucida follia ti denuda l'anima,insulta il cuore e la mente tua,sarà un'angoscia crescente che irrompe in te abbattendo ogni ostacolo pur di farsi sua...anche i profumi familiari diventeranno estranei pretenziosi li accuserai diventeranno inquisizioni.. tutto diventerà invadente si farà spazio dentro te,e come edera veloce che si arrampica e invade il cuore e la mente tua, anche nel sole vedrai lo scuro avrai paura di te, lo specchio avrà un riflesso che ti terrorizza e gli chiederai... chi è quell'estraneo? Perchè c’è lui e non me? Navighi stanco,vivi come fossi un clandestino nella tua stessa nave...e il mondo che ti circonda lo vedrai come una platea al tuo dolore,e tu sarai spettatore pagante della tua stessa vita...  ©  Sabrina Romoli Rubrica di Almax Magazine

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento